Sereni Vittorio
Vittorio Sereni nacque a Luino ( Varese) nel 1913. Visse dapprima a Brescia, poi a Milano dove si laureò in letteratura italiana nel 1936 con una tesi su Guido Gozzano. Fu tra i fondatori della rivista “Corrente” nel 1938, e collaborò a “Campo di Marte” e “Frontespizio”. Pubblicò “Frontiera”, il suo primo libro di poesie nel 1941. Richiamato nell’esercito, venne mandato prima in Grecia, poi in Sicilia. Fatto prigioniero il 24 luglio 1943, passò due anni nei campi dell’Algeria e del Marocco. Da questa esperienza trasse materia ed ispirazione per il suo secondo libro di versi, pubblicato nel 1947 con il titolo “Diario d’Algeria”. Dopo la guerra, lavorò come insegnante, collaborando anche a Milano Sera come critico letterario. Nel 1952 entrò nella Pirelli, e pochi anni dopo passò come direttore letterario alla casa editrice Mondadori, con la quale collaborò fino alla morte, avvenuta il 10 febbraio 1983. Nel 1965 aveva pubblicato “Gli strumenti umani” e nel 1981 l’ultima raccolta intitolata “Stella variabile”. Partito dall’esperienza ermetica, Sereni resta legato ad una poesia fortemente lirica, in cui esprime la condizione di precarietà dell’uomo moderno, privo di certezze e punti di riferimento sicuri.
PRODUCTS HAVING Sereni Vittorio IN Biographical Pages