Serao Matilde
Matilde Serao (Patrasso, 1856 – Napoli, 1927) è stata una scrittrice e giornalista italiana. È stata la prima donna italiana ad aver fondato e diretto un quotidiano, Il Corriere di Roma, e successivamente Il Giorno. Visse fin da piccola l'ambiente della redazione di un giornale. Nonostante questa influenza, e malgrado gli sforzi di sua madre, all'età di otto anni non aveva ancora imparato né a leggere né a scrivere. Imparò più tardi, in seguito alle vicissitudini economiche della famiglia. La sua attività di scrittrice cominciò dapprima con brevi articoli nelle appendici del Giornale di Napoli, poi passò ai bozzetti e alle novelle firmate con lo pseudonimo "Tuffolina". A 22 anni completò la sua prima novella, "Opale", che inviò al Corriere del Mattino. A 26 anni lasciò Napoli per andare alla "conquista di Roma". Nella capitale collaborò per cinque anni con il Capitan Fracassa. Sotto lo pseudonimo «Ciquita» scrisse di tutto, dalla cronaca rosa alla critica letteraria. Nei suoi anni romani pubblicò i romanzi: ‘Pagina Azzurra’, ‘All'erta!’, ‘Sentinella’, ‘La conquista di Roma’, ‘Piccole anime’, ‘Il ventre di Napoli’ (1884), ‘Il romanzo della fanciulla’, e altri. Il giornalismo era per Matilde Serao terreno di osservazioni, di costumi, che lei portava poi nei suoi romanzi, anche in quelli che la critica definiva mondani, come ‘Cuore infermo’ (1881) e ‘Addio amore’ (1890). Nel 1892 fonda il giornale: "Il mattino" di Napoli. Morì a Napoli, nel 1927: fu colpita da un infarto mentre era intenta a scrivere.
PRODUCTS HAVING Serao Matilde IN Biographical Pages