Costituzione della Repubblica Italiana
Il 2 giugno del 1946, con il referendum istituzionale a suffragio universale (per la prima volta votarono anche le donne) in Italia fu scelta la forma di governo repubblicana. I voti a favore della repubblica furono 12.718.641, pari al 54,3% dei voti validi; a favore della monarchia si espressero invece 10.718.502 elettori, pari al 45,7%. Si votò inoltre per scegliere i membri dell'Assemblea Costituente che avevano il compito di preparare la nuova Costituzione Italiana. Per poter procedere alla stesura della Costituzione nella maniera più efficace, si pensò che fosse meglio incaricare un gruppo più ristretto di persone e predisporne uno schema. Questo schema sarebbe poi stato discusso e votato da tutta l'Assemblea Costituente. Fu così composta una Commissione formata da 75 deputati, scelti su indicazione dei vari gruppi parlamentari ed eletti in modo proporzionale al numero dei componenti dei vari gruppi. La prima riunione fu tenuta il 20 luglio 1946 e ne fu eletto Presidente Meuccio Ruini. La Commissione a sua volta si divise in sottocommissioni: la prima sui diritti e doveri dei cittadini, la seconda sull'ordinamento costituzionale della Repubblica, la terza sui diritti e doveri economico-sociali. Ciascuna sottocommissione lavorò separatamente. Il 31 gennaio 1947 il progetto fu presentato all'Assemblea Costituente accompagnato da una relazione del Presidente. La discussione durò otto mesi, dal 4 marzo al 22 dicembre 1947. La Costituzione venne approvata e fu promulgata il 27 dicembre 1947; in base alla XVII disposizione finale, entrò in vigore il 1 gennaio 1948.
PRODUCTS HAVING Costituzione della Repubblica Italiana IN Biographical Pages