Fogazzaro Antonio
(SOON AVAILABLE IN ENGLISH) Antonio Fogazzaro (Vicenza, 1842-1911) nasce da una agiata e colta famiglia che lo avviò agli studi di giurisprudenza. Laureatosi a Torino nel 1864, si stabilì a Milano per alcuni anni, frequentando Arrigo Boito e gli ambienti della Scapigliatura. Nel 1869 tornò definitivamente a Vicenza e intraprese la carriera di avvocato, abbandonandola però dopo poco tempo per dedicarsi alla letteratura. I temi della poetica di Antonio Fogazzaro, senza dubbio una delle figure di letterato più interessanti del secondo Ottocento italiano, evidenziano il contrasto, particolarmente sentito all'interno della cultura cattolica predominante allora in Italia, tra le passioni e il senso del dovere. Già nel poemetto in versi sciolti "Miranda" (1874) e nella successiva raccolta di liriche "Valsolda" (1876) è possibile notare alcune peculiarità dello stile di Fogazzaro: sensualità delle immagini alternata a slanci mistici e inquietudini interiori. I romanzi "Malombra" (1881), "Daniele Cortis" (1885), "Il mistero del poeta" (1888) insieme alla raccolta di racconti "Fedele" (1887), preludono a quello che è il suo testo più noto, "Piccolo mondo antico" (1896), in cui la storia dei protagonisti si intreccia con le vicende dell'Italia risorgimentale. In questi anni Fogazzaro si accostò alle correnti moderniste e alle teorie positiviste ed evoluzioniste, contribuendo alla loro diffusione tramite un'intensa attività di pubblicista e conferenziere, ben presto contestata dalla Chiesa; nel 1906, infatti, le sue opere furono messe all'Indice dal Vaticano. Del resto della produzione dell'autore ricordiamo, per la saggistica: "Scienza e dolore" (1898), "Discorsi" (1898), "Il dolore nell'arte" (1901); per la narrativa: "Piccolo mondo moderno" (1901), "Il santo" (1905), "Leila" (1910).
PRODUCTS HAVING Fogazzaro Antonio IN Biographical Pages