Platone
Platone nacque ad Atene da famiglia aristocratica nel 428 a.C. Secondo Aristotele, ebbe tra i suoi maestri Cratilo, seguace di Eraclito. A vent'anni cominciò a frequentare Socrate, del quale divenne allievo. La morte di Socrate lo dissuase dal seguire la sua vocazione verso l’impegno politico in patria, ma non per questo rinunciò a perseguire l'ideale di un reggimento filosofico della città. Negli anni seguenti, si recò a Megara presso Euclide, poi in Egitto e a Cirene. A Taranto venne a contatto con la comunità pitagorica di Archita, e a Siracusa strinse amicizia con Dione, parente e consigliere del tiranno Dionigi il Vecchio. Entrato in conflitto con Dionigi, fu venduto come schiavo sul mercato di Egina. Riscattato da Anniceride di Cirene, ritornò ad Atene, dove fondò nel 387 l'Accademia. La scuola di Platone fu organizzata sul modello delle comunità pitagoriche come un'associazione religiosa, un tìaso. Alla morte di Dionisio, Platone fu richiamato a Siracusa da Dione alla corte del nuovo tiranno Dionigi il Giovane, per guidarlo nella riforma dello Stato in conformità con il suo ideale politico. Ma l'urto fra Dionigi e Dione, che fu esiliato, rese sterile ogni tentativo di Platone. Il filosofo tornò in Sicilia una terza volta nel 361, spinto anche dal desiderio di aiutare Dione, che era rimasto in esilio. Ma nessun accordo fu raggiunto e Platone, dopo essere stato trattenuto per un certo tempo, quasi come prigioniero lasciò Siracusa e ritornò ad Atene. Qui egli trascorse il resto della sua vita, dedito solo all'insegnamento. Morì a 81 anni, nel 347, mentre la sua città si avviava verso la decadenza. Il corpus delle sue opere è composto dall'Apologia di Socrate, da 34 dialoghi e da 13 lettere. Dalla speculazione di Platone è rimasto segnato indelebilmente tutto il pensiero occidentale.
PRODUCTS HAVING Platone IN Biographical Pages