James Henry
Henry James è stato uno scrittore e critico letterario statunitense, sostenitore della teoria secondo la quale gli scrittori sono chiamati a presentare, attraverso le loro opere, la propria visione del mondo attraverso l'utilizzo del punto di vista e del dialogo interiore. Con questo stile James diede un decisivo contributo al delinearsi del romanzo moderno. Nacque a New York il 15 aprile del 1843, in una famiglia di intellettuali: il padre, Henry James senior, era teologo e filosofo, e impartì ai figli un'educazione priva di preconcetti; il fratello, William James, diventerà un importante filosofo e psicologo. Henry James trascorse parte della gioventù viaggiando tra l'Europa e l'America, e per questo studiò con noti istitutori a Ginevra, Londra, Parigi e Bonn. Nel 1862 si iscrisse alla facoltà di legge dell'Harvard University, ma senza successo: la sua vera vocazione si rivelò la letteratura, che approfondì con la lettura e lo studio delle opere letterarie inglesi, americane, francesi, italiane, tedesche e russe, con la collaborazioni con alcune riviste letterarie e con l'attività di romanziere. Fu uno degli scrittori più prolifici della storia della letteratura, ma le sue opere non ottennero quasi mai un positivo riscontro nel pubblico a lui contemporaneo. La sua narrativa fu profondamente influenzata da Nathaniel Hawthorne, Gustave Flaubert, Guy de Maupassant, Honoré de Balzac e Ivan Turgenev. Per un breve periodo visse a Parigi, poi nel 1876 si trasferì definitivamente in Inghilterra. Si recò nuovamente in America più volte ma in seguito allo scoppio della Prima guerra mondiale dichiarò il proprio desiderio di diventare cittadino britannico, per dimostrare la propria lealtà al Paese in cui viveva e per protestare contro la decisione americana di non intervento. Nel dicembre 1915 ebbe un attacco di cuore e morì il 28 febbraio 1916. Motivo ricorrente delle sue opere è la contrapposizione tra la vecchia Europa e la nuova America, con lo scontro di cultura e valori che ne deriva; a un livello più intimistico, contrapposizione e scontro si spostano tra l'individuo e la società e all'interno dell'individuo stesso. Tra i principali romanzi e racconti dello scrittore si possono ricordare: L'americano (1877); Daisy Miller (1879); Ritratto di signora (1879); Il Diario di un uomo di cinquant'anni (1880); Il carteggio Aspern (1888); I bostoniani (1886); La principessa Casamassima (1888); Le spoglie di Poynton (1897); Ciò che sapeva Maisie (1897); L'età ingrata (1899); La fonte sacra (1901); Le ali della colomba (1902); Gli ambasciatori (1903); La coppa d'oro (1904).
PRODUCTS HAVING James Henry IN Biographical Pages