Gli studenti imparano a leggere ascoltando

16/05/2017

Gli studenti imparano a leggere ascoltando


L'insegnante americana Melissa Burke di Hastings (Nebraska) ha iniziato questa nuova avventura circa 4 anni fa, quando un bambino mostrava interesse per un libro, ma non era in grado di leggerlo.

La sua idea è stata semplice, ma s'è rivelata molto efficace. Ha preso un iPod e l'ha usato per scaricare la versione audio del libro che lo studente voleva leggere. In questo modo il ragazzo poteva leggere e al contempo ascoltare lo stesso testo. Seguendo la lettura in cuffia i ragazzi riescono a leggere più facilmente e nel tempo aumentano le proprie capacità di lettura. In breve tempo l'idea s'è rivelata vincente e una fondazione ha sponsorizzato con mille dollari l'acquisto di cuffie e audiolibri.

I criteri per acquistare i libri sono semplici, vengono scelti quelli nei confronti dei quali gli studenti dimostrano un interesse, così come quelli scelti dall'insegnante.
È importante che siano i ragazzi a scegliere da soli i propri libri, magari perché consigliati dai loro compagni di classe. In questo modo si sentono più indipendenti e leggeranno con maggiore interesse. Il successo dell’iniziativa è stato incredibile.

Ora quando uno studente afferma di non riuscire a leggere l'insegnante lo rassicura dicendo che potrà leggere sia con gli occhi che con le orecchie. In genere quando un libro viene affrontato in questo modo, altri lo seguono a breve.

Quando gli studenti della Burke vanno alla scuola media, in molti casi sono ormai in grado di leggere senza usare audiolibri, ma molti continuano a farlo per per il solo piacere di ascoltare delle storie.

L'insegnante ha prodotto dei report dai quali emerge chiaramente come attraverso il suo programma gli studenti abbiamo sensibilmente migliorato le loro capacità di lettura.
I voti dei ragazzi le danno ragione, così come le loro dichiarazioni. Molti trovavano difficile e noioso leggere, ma grazie agli audiolibri il loro approccio alla lettura è profondamente cambiato.

I ragazzi dopo aver affiancato lettura e ascolto sono più curiosi, riascoltano i passaggi più complessi e pongono domande all'insegnante. Prima erano invece disinteressati.
Alcuni studenti avevano già seguito dei corsi di recupero per migliorare le capacità di lettura, ma con scarsi risultati. Leggere continuava a non piacere.


Per Melissa Burke non è importante che uno studente legga con gli occhi o con le orecchie, quel che conta è la comprensione del testo. Leggere mentre si ascolta non solo migliora le capacità di lettura, ma arricchisce il vocabolario.

Anche in questo caso i numeri sostengono quanto affermato dall’insegnante, che somministra dei test ai suoi studenti dopo la lettura di ogni libro. Da questi dati emerge come le competenze linguistiche dei ragazzi aumentino, allo stesso modo cresca anche la loro fiducia nelle proprie possibilità e questa è probabilmente la cosa più importante.


Fonte: https://goo.gl/qFuemM