Blog


Storytel, il Netflix degli audiolibri aumenta del 150% il suo business

08/06/2017

Storytel, servizio in abbonamento per lo streaming di audiolibri su dispositivi mobili, ha mosso i suoi primi passi nel 2005 e dopo 4 anni, pur essendo diventata una tra le più importanti piattaforme per l'ascolto di libri-parlati era al tracollo.

I suoi fondatori, gli svedesi Jonas Tellander e Jon Hauksson avevano avuto un'intuizione vincente, ma l'avevano avuta troppo presto, vale a dire prima che gli smartphones si imponessero sul mercato e prima della diffusione di servizi come Spotify o Netflix, che hanno contribuito molto al cambio di approccio nei confronti dei contenuti.

[Continua]


Audiolibri: tre suggerimenti per una narrazione di successo

31/05/2017

Quando leggi un libro e lo registri con la tua voce, diventi una guida che accompagna l’ascoltatore in un viaggio. Proprio come la voce-guida di Disney World consiglia di tenere le braccia dentro al veicolo il narratore deve creare dei guardrail sonori che tengano il proprio ascoltatore sempre in pista.

[Continua]


“Ogni scartafaccio è bello a mamma sua”

22/05/2017

“Ogni scartafaccio è bello a mamma sua”. Il detto napoletano si può applicare anche al campo della narrativa sostituendo lo scarrafone, o scarafaggio, con lo scartafaccio cioè il manoscritto, la maternità biologica con quella letteraria, la carne con la carta. La capacità di giudizio nei confronti dei propri scritti viene offuscata come quando si tratta di giudicare dei propri figli. E tanto più mediocre è un autore – o aspirante tale - tanto l'offuscamento è maggiore.

[Continua]


Gli studenti imparano a leggere ascoltando

16/05/2017

Gli studenti che imparano a leggere ascoltando Audiolibri.

Nella classe dell'insegnante americana di Hastings (Nebraska) Melissa Burke gran parte degli studenti, che sono bambini delle elementari, hanno un libro in mano e le cuffie alle orecchie. Secondo quanto afferma la stessa Burke: "Alcuni di questi bambini prima odiavano leggere, ora invece amano farlo".
Molti studenti, secondo l'insegnante, con il passare del tempo sono sempre più annoiati e frustrati se incontrano difficoltà nella lettura ed ha quindi deciso di cambiare il suo approccio.

[Continua]