Pellico Silvio
Silvio Pellico (1789-1854) nacque a Saluzzo ( Cuneo). Dopo aver studiato a Pinerolo e a Torino, andò a Lione per fare pratica nel settore commerciale; rientrato in Italia nel 1809, si stabilì a Milano. Qui conobbe il Monti ed il Foscolo e qui cominciò a scrivere, all'incirca dal 1812, specialmente per il teatro, ideando tragedie formalmente ancora classiche, ma già romantiche da un punto di vista contenutistico. Sempre a Milano fu per qualche tempo direttore del “Conciliatore”. Fu proprio a causa del suo profondo sentimento patriottico che nel 1820 venne arrestato con l'accusa di carboneria: condannato a morte, la sentenza fu commutata in 15 anni di carcere duro, da scontare nella fortezza di Spielberg, in Moravia. Nel 1830 arrivò anticipatamente la grazia imperiale e, tornato a Torino, si ritirò completamente dalla politica attiva e si estraniò dai circoli letterari, vivendo grazie ad un posto di bibliotecario presso la marchesa di Barolo. Egli però non dimenticò l'esperienza carceraria, un evento che divenne il soggetto dell'opera memorialistica “Le mie prigioni”, del 1832. Nello scritto, il più conosciuto dell'autore, si narrano l'arresto , la vita nel carcere e la liberazione dello stesso Pellico, che volle però porre l'accento (in stile manzoniano) sul percorso spirituale legato alla vicenda, i cui effetti furono la riscoperta della fede ed una rassegnata indulgenza verso l'esistenza e verso gli esseri umani. Tanto in carcere quanto dopo la liberazione compose diverse tragedie (“Ester d'Engaddi”, “Iginia d'Asti”, “Gismonda”, “Erodiade”, “Tommaso Moro”), delle cantiche (“Tancredi”, “Morte di Dante”) e varie liriche.Morì a Torino il 31 gennaio 1854.
Prodotti con Pellico Silvio in Schede Biografiche