Gifuni Fabrizio
Fabrizio Gifuni (Roma, 16 luglio 1966) è un attore italiano. Terminati gli studi all'Accademia Nazionale d'Arte drammatica Silvio D'Amico, debutta in teatro nel 1993, nell'’Elettra’ di Euripide per la regia di Castri, che lo dirigerà ancora nella Trilogia della villeggiatura di Goldoni. Collabora successivamente con Sepe, Terzopoulos e Malosti. È ideatore e interprete di diversi spettacoli, fra cui: ‘‘Na specie de cadavere lunghissimo’ (da Pier Paolo Pasolini e Giorgio Somalvico) - premio Hystrio 2004 – e ‘L’ingegner Gadda va alla guerra o della tragica istoria di Amleto Pirobutirro’ (da Carlo Emilio Gadda e William Shakespeare) - per il quale riceve due Premi Ubu nel 2010 - entrambi per la regia di Giuseppe Bertolucci. Fra i suoi film si possono ricordare: 'Così ridevano' di Gianni Amelio (Leone d'oro al Festival di Venezia 1998), 'Il partigiano Johnny' di Guido Chiesa, 'Hannibal' di Ridley Scott, 'La meglio gioventù' (premiato al Festival di Cannes) e 'Romanzo di una strage' di Marco Tullio Giordana. In televisione è stato Alcide De Gasperi, Paolo VI e Franco Basaglia, nelle serie tv dedicate a quei personaggi. Rivelazione europea al Festival di Berlino nel 2002, nello stesso anno riceve il Globo d'oro della stampa estera e il Premio De Sica per la stagione cinematografica. Gli è stato attribuito il Nastro d’argento per 'La meglio gioventù' nel 2004, mentre nel 2010 è stato premiato come miglior attore al Festival di Montecarlo e al Roma Fiction Festival per la sua interpretazione di Franco Basaglia. Ha ricevuto quattro volte la nomination ai David di Donatello (per 'Un amore', 'La meglio gioventù', 'La ragazza del lago' e 'Romanzo di una strage'). Nel 2012 ha vinto il Premio Gian Maria Volonté.
Prodotti con Gifuni Fabrizio in Schede Biografiche

Nessun risultato trovato.